Tutti gli allenatori dell'Angolana in serie D.


Di Santo Enrico

Il primo allenatore dell'Angolana in serie D fu il confermato Enrico Di Santo che aveva brillantemente condotto ai nerazzurri alla vittoria del campionato nella stagione precedente. La mancanza di gioco e di risultati nella nuova categoria furono però fatali al tecnico che venne esonerato dopo solo nove partite. Sotto la sua guida tecnica l'Angolana conquistò  3 vittorie, 1 pareggio e ben 5 sconfitte, con le attuali regole (3 punti in caso di vittoria, 1 per il pareggio e 0 per la sconfitta) fruttavano 10 punti su 9 giornate in panchina con una media punti di 1,11.


Soffrido Luigi


A sostituire Di Santo fu chiamato l'esperto allenatore di categoria superiore Soffrido ex Derthona, Trapani e Lecce. Gradualmente integrò nella rosa i nuovi giocatori arrivati con il mercato di riparazione. Petroni, che era stato l'acquisto di maggior caratura tecnica, deluse le aspettative e fu tagliato dopo solo sei partite. Rimasto senza un centravanti di ruolo, Soffrido spostò in avanti il difensore Versolato e questi segnò i goals che furono preziosi per la conquista di importanti vittorie. Con l'attuale regola dei tre punti a vittoria l'Angolana conquistò ben 30 punti nel girone di ritorno che sommati ai miseri 14 punti del girone di andata garantirono la meritata salvezza. In 25 partite conseguì i seguenti risultati: 9 vittorie, 7 pareggi e 9 sconfitte e ben 34 punti, per una media punti di 1,36.

Masoni Farnese

Nel 1970-71 Leonardo Petruzzi ad inizio campionato affidò la squadra a Farnese Masoni. Il presidente non soddisfatto del lavoro svolto dal trainer lo esonerò dopo la prima partita. Masoni tornò di nuovo sulla panchina dell'Angolana nel 1976/77 ma non riuscì a salvarla e fu sostituito in alcune partite in panchina da Peppino Romanelli. In due campionati Masoni siede complessivamente per 35 volte sulla panchina angolana con sole 4 vittorie, 17 pareggi e 14 sconfitte con 29 punti conquistati e una media punti di 0,83.

Patricelli Vitaliano

Vitaliano Patricelli sostituì l'esonerato Masoni e alla prima esperienza in panchina in serie D centrò un brillante terzo posto guidando con sagacia un Angolana rinnovata e ringiovanita per 7/11. Tornò sulla panchina nerazzurra nel 1974/75 con un onorevole quarto posto e venne confermato anche nel 1975/76 ottenendo il settimo posto in classifica. In tre campionati sulla panchina nerazzurra conquista il primato tra i nostri trainer con 101 partite complessive in cui coglie 32 vittorie, 50 pareggi e 19 sconfitte per un totale di 146 punti con una media punti di 1,44.

Tontodonati Mario

Nel 1971/72 fu ingaggiato dal nuovo presidente Ruggieri l'esperto allenatore Mario Tontodonati. Non legò molto bene con i giocatori e dopo solo nove giornate di campionato fu esonerato dopo la pesante sconfitta di Manduria per 5-1. Le vittorie furono 2, i pareggi 4 e le sconfitte 3, per 10 punti e con la media punti di 1,11.

         Clozza Giuseppe - Patriarca Demetrio

Il duo Clozza-Patriarca subentrò a Tontodonati e condusse brillantemente l'Angolana alla salvezza valorizzando alcuni giovani che non erano stati presi in considerazione dal predecessore. Furono confermati anche nel 1972/73 e nel 1973/74 e in questo periodo l'Angolana ottenne alcuni risultati di prestigio come nel 1971/72 la vittoria contro la corazzata Lanciano nella 22ª giornata per 1-0 che estromise di fatto i frentani dalla promozione, nel 1972/73 il clamoroso pareggio imposto al Pescara all'Adriatico per 1-1 alla 7ª giornata di andata, (fu l'unico punto perso in casa dal Pescara in tutto il campionato), la vittoria in casa contro l'Aquila nel 1973-74 alla 25ª giornata per 1-0. Con 93 presenze sulla panchina dell'Angolana sono al secondo posto dietro Patricelli. I loro risultati: 24 vittorie, 38 pareggi e 31 sconfitte, con 110 punti conquistati in tre campionati e una media punti di 1,18.

Ortega Hector Alberto

Nel 1998/99 l'argentino Alberto Ortega viene chiamato da Nicola Petruzzi a dirigere la nascente Renato Curi Angolana appena ripescata in serie D. Il vulcanico mister fa giocare la squadra abbastanza bene ma non soddisfa a pieno il presidente che lo esonera a cinque giornate dal termine. L'avventura di Ortega a Città S.Angelo si conclude quindi dopo 29 partite in cui raccoglie 12 vittorie, 4 pareggi e 11 sconfitte, per un totale di 46 punti con una media punti di 1,58.

Righetti Ubaldo

Nel 1999/2000 Ubaldo Righetti guidò la Renato Curi quasi in C 2 restando in vetta alla classifica per 31 giornate su 34. L'inopinata sconfitta a Tolentino determinò il sorpasso in classifica del San Marino che vinse il campionato. Attualmente Righetti commenta le partite dell'Under 21 alla RAI. Nello sfortunato campionato 1999-2000 perso nelle ultime tre giornate di campionato, con ben 65 punti che è ancora il miglior risultato di sempre della nostra società in serie D, in 34 partite Righetti conquistò 18 vittorie, 11 pareggi e 5 sconfitte con la media punti più alta tra i nostri allenatori di 1,91.

Di Sante Piero

Piero Di Sante ha l'ingrato compito di sostituire Righetti nel 2000/2001. Ha a disposizione un organico molto rinnovato e anche di buon livello ma dopo il confortante pareggio nella prima giornata contro la Sambenedettese, i risultati sono sempre via via più deludenti e l'esonero avviene dopo solo 6 partite. Complessivamente siede sulla nostra panchina per 11 partite in due campionati (1998-99 nel finale di campionato quando subentra ad Ortega e nelle prime sei giornate del 2000-2001) in cui ottiene complessivamente 10 punti, frutto di 2 vittorie, 4 pareggi e 5 sconfitte, per una media punti di 0,90.

Vassallo Salvatore

Il siciliano Vassallo sostituisce Di Sante e contemporaneamente sostituisce alcuni giocatori con altri di sua fiducia. I giocatori voluti da Vassallo deludono quasi tutti eccetto Lo Piccolo, Musicò, Averani e Riganò e la squadra precipita sempre più giù in classifica. Salvatore di nome ma non di fatto, Vassallo viene esonerato alla 18ª giornata dopo ben quattro sconfitte consecutive. Un esonero che si rivela tardivo e che non fa risollevare il morale della squadra. Resiste sulla nostra panchina solo 12 partite con solo 9 punti conquistati, 2 sole vittorie (in entrambe era sostituito da D'Arcangelo), 3 pareggi e 7 sconfitte con una delle peggiori medie punti di 0,75.

Nobili Bruno

Bruno Nobili ebbe l'ingrato compito di cercare di salvare la derelitta Renato Curi Angolana dopo le fallimentari gestioni Di Sante e Vassallo. Non potè usufruire di rinforzi perchè il mercato era chiuso. Ottenne qualche buona vittoria e qualche pareggio che però si rivelarono insufficienti a riportare in acque tranquille la nostra squadra che rimase impelagata nelle ultime posizioni fino all'ultima giornata. Il suo score fu di 4 vittorie, 6 pareggi e 6 sconfitte in 16 partite per una media punti di 1,12.

Piccioni Attilio

Attilio Piccioni riporta l'Angolana in serie D nel 2004/2005. Viene riconfermato anche nel campionato successivo. Coraggiosamente manda in campo due ragazzini del 1988 Creati e Fasciani, sin dalle prime giornate quando è obbligatorio un solo 1987. I risultati sono altalenanti e a seguito di infortuni dei giocatori più esperti come Cavicchia e Rachini dopo le prime giornate si trova paradossalmente in emergenza nonostante l'organico fosse ritenuto di assoluto valore. Nonostante la squadra si trovi al quinto posto malgrado tutte le difficoltà incontrate, Piccioni viene esonerato dopo la sconfitta di Celano. A fine campionati i numeri danno ancora ragione a Piccioni: dei tre allenatori che si sono alternati sulla panchina nerazzurra è quello con la media punti più alta. Valeva la pena esonerarlo? Una domanda a cui non ho mai trovato risposta. Al momento dell'esonero dopo 11 giornate mister Piccioni aveva conquistato 17 punti con 5 vittorie, 2 pareggi e 4 sconfitte, per una media punti di 1,54.

Donati Ettore

Ettore Donati sostituisce Piccioni dopo undici giornate voluto da alcuni dirigenti che pensano così di poter arrivare ancora ai primi posti in classifica. Sarà solo un illusione. La squadra sotto la guida del tecnico toscano va sempre peggio fino alla sconfitta in casa per 1-3 contro la Sangiustese. I tifosi contestano duramente l'operato del nuovo allenatore e la società provvede al secondo e più che scontato esonero. Fu uno dei tanti pessimi investimenti dell'era De Cecco: il suo deleterio apporto fu di soli 16 punti in 13 partite (4 vinte, 4 pareggiate e 5 perse) con una bassa media punti di 1,23 considerando il valore dell'organico a disposizione del tecnico toscano.

Norscia Gianfranco

Norscia guida l'Angolana nelle ultime dieci giornate di campionato ottenendo solo tre vittorie contro Celano, Grottammare e Pergolese, due pareggi e ben cinque sconfitte di cui due casalinghe contro Cagliese e Penne. Nonostante questi modestissimi risultati la squadra si "salva" e Norscia viene riconfermato anche per la stagione successiva. Nelle prime giornate del 2006/2007 la fortuna sembra assistere il tecnico che porta la squadra al primo posto in classifica anche per la vittoria a tavolino per 0-3 di Tolentino. La squadra in casa vince anche con qualche difficoltà ma viene puntualmente sconfitta in trasferta e questo preoccupa non poco i tifosi che cominciano a spazientirsi. A Centobuchi dopo l'ennesima sconfitta e la pessima prova dei nerazzurri, Norscia risponde alle contestazioni di alcuni tifosi. Da questo momento non ci sarà più nessun minimo feeling con la tifoseria e la contestazione sarà ancora più dura la domenica successiva dopo la sconfitta interna contro il Real Montecchio. A questo punto l'esonero è inevitabile. Nonostante questo pessimo precedente la società nel 2009-2010 richiama Norscia voluto da Adolfo De Cecco. I risultati scadenti (una vittoria, un pareggio e cinque sconfitte) delle prime sette giornate scatenano di nuovo la pesantissima contestazione dei tifosi che ne chiedono di nuovo l'esonero che puntualmente arriva. I suoi numeri sono: 30 presenze in panchina e 36 punti conquistati in tre campionati (2005-2006, 2006-2007 e 2009-2010) con 10 vittorie di cui una conquistata a tavolino, 6 pareggi e 14 sconfitte per una media punti di 1,2 se consideriamo anche i punti che furono assegnati a tavolino ma la sua media punti reale è di solo 1,1 (33 punti in 30 partite).
Gentilini Augusto

Augusto Gentilini sostituisce Norscia dopo tredici partite e gradualmente risolleva la squadra centrando a fine campionato i play-off nonostante l'infortunio di Parmigiani e il caso Rossi Finarelli che privano la squadra di punte di esperienza. Gentilini schiera di punta i fuoriquota del 1988 Aloe e Miani  e riesce ad ottenere dei buoni risultati nonostante l'organico ridotto al minimo. Ai play-off non abbiamo fortuna e veniamo eliminati dal Fano nonostante l'ottima prova dei nerazzurri. Viene confermato anche nel 2007-2008 e purtroppo non centriamo la promozione che svanisce proprio nell'ultima giornata e  poi veniamo anche eliminati  nei play-off. La mancata promozione grida ancora vendetta ma credo che con acquisti più oculati da parte della società mister Gentilini avrebbe centrato agevolmente l'obiettivo. 55 sono le sue presenze in panchina (non ho considerato le partite dei play-off ) in cui conquista 94 punti (26 vinte, 16 pareggiate e 13 perse) con la terza migliore media punti di 1,71.

Vivarini Vincenzo

Per Vivarini vale più o meno la stessa valutazione espressa su Gentilini. E' difficile valutare i suoi demeriti e/o quelli della società. Sulla carta aveva a diposizione una corazzata ma sul campo erano evidenti le lacune che palesavano i nerazzurri anche con le squadre di bassa classifica. Sballatissimo fu anche il mercato di riparazione quando invece di tagliare elementi talentuosi ma svogliati come Giandomenico e Farrugia su tutti, vennero tagliati invece Galluzzo, Zarini e Avolio. La ciliegina sulla torta fu il taglio dell'ottimo Puglia fino a quel momento uno dei migliori in campo. La squadra si stacca presto dal vertice e mister Vivarini viene esonerato dopo la sconfitta ai rigori in Coppa Italia contro il Sapri. Vince il campionato con il Chieti nella stagione successiva. In  nerazzuro conquista 45 punti in 27 partite (11 vinte, 12 pareggiate e 4 perse) per una buona media di 1,63, che però è da ritenere bassa considerando l'organico che aveva a disposizione ma che tuttavia a mio giudizio era stato mal gestito sia in campagna acquisti che nel mercato di riparazione da parte della società in cui alcuni giocatori (Giandomenico e Farrugia su tutti dovevano essere tagliati in quanto erano stati deludenti e svogliati e al loro posto si doveva prendere una punta che apriva gli spazi al bomber Pazzi uno come ad esempio Taribello, come doveva essere tenuto Puglia che era stato uno dei miglior centrocampisti di tutto il girone e al posto del deludente cavallo di ritorno Luca Cichella doveva essere ingaggiato Vitone che si adattava a meraviglia nel gioco di mister Vivarini.) 

Bordoni Paolo

Paolo Bordoni sostituisce Vivarini nelle ultime giornate nel fallimentare campionato 2008-2009. Può contare solo su una ristretta rosa di giocatori di esperienza in quanto la società ha rispedito a casa la maggior parte di quelli che avevano maggiormente deluso. Manda in campo parecchi ragazzi della juniores ma non riesce a centrare i play-off. La sua media punti è bassissima solo 0,86 ma non si poteva chiedere di più al mister in quanto schierava solo ragazzini nei ruoli chiave dopo i tardivi tagli operati dalla società nelle ultime giornate di campionato. Conquista solo 2 vittorie e ben 5 sono le sconfitte nelle ultime 7 giornate di campionato in cui conquistiamo solo 6 punti che non saranno sufficienti a rimanere nei play-off. 

Marcangeli Roberto

Marcangeli subentra a Norscia e inizialmente riporta il sereno conseguendo alcune vittorie consecutive e risollevando i nerazzurri che si allontanano dalla zona play-out. Dopo il mercato di riparazione l'organico viene notevolmente indebolito con i tagli di Cossu e Aquaro. La squadra precipita di nuovo nella melma dei play-out e dopo la sconfitta in casa con il Centobuchi anche Marcangeli viene esonerato. Conquista 21 punti in 20 partite (5 vinte, 6 pareggiate, 9 perse), per una media punti molto bassa di 1,05.
Amaolo Daniele

Il nome di Amaolo evocava i peggiori incubi nei tifosi nerazzurri. Per ben due volte siedeva sulla panchina della squadra che ci ha negato la C 2: nel 1999-2000 era su quella del Tolentino che ci sconfisse per 2-1 e nel 2007-2008 era su quella della Maceratese che ci impose il pareggio per 0-0 nell'ultima giornata che segnò il sorpasso in classifica da parte della Sangiustese. Fu chiamato dalla nostra società a compiere l'ennesima salvezza miracolosa e da buon esperto in materia riuscì nell'impresa ritenuta da tutti quasi impossibile. Non venne confermato nella stagione successiva ma i deludentissimi risultati della gestione Cipriani indussero i nostri dirigenti a richiamarlo d'urgenza sulla nostra panchina e a fine campionato centriamo un ottimo sesto posto. Come mai quando troviamo un allenatore così bravo non viene mai confermato? Sbagliare è umano. Perseverare..? I numeri di mister Amaolo sulla panchina nerazzurra parlano chiaro: ben 71 punti in 41 partite (21 vinte, 8 pareggiate e 12 perse) con l'ottima media punti di 1,73 che lo pone al secondo posto tra i migliori allenatori nerazurri.
Cipriani Antonio

Per sole tre partite in più non batte il record di Masoni della permanenza più breve sulla panchina angolana. Dura infatti solo quattro giornate in cui raccoglie tre sconfitte e una sola vittoria. L'unico lampo della gestione Cipriani è la vittoria nel Torneo Acciavatti dopo numerosi anni di infruttuosa partecipazione. In sole 4 partite raccoglie soli 3 punti (1 vittoria e 3 sconfitte) di conseguenza la media è di solo 0,75 che è una delle più basse.
Montani Fabio

Dopo l'esonero avvenuto in data odierna 23 gennaio 2012, posso finalmente aggiungere quello che da oggi è il penultimo allenatore che si è seduto sulla panchina angolana. Mister Montani ha raccolto la miseria di soli 17 punti in 20 partite: ci può stare di perdere diverse partite a causa di un organico inadeguato per l'ostico girone F di questo campionato in cui ci sono diverse corazzate ma non ci sta assolutamente di dichiarare che l'organico da ampie garanzie e che col gioco proposto arriveranno (ma quando?) anche i punti per la salvezza che adesso sarà sempre più difficile conquistare sia direttamente che ai play-out. Seguo l'Angolana dal 1968 e questa è in assoluto la peggiore di tutte. Anche quando siamo retrocessi nel 1976/77 abbiamo disputato qualche buona partita sotto la direzione tecnica di Masoni (pareggi interni con la capolista Chieti, il forte Lanciano, l'Avezzano, la vice capolista Palmese e la terza in classifica Giugliano, il pareggio in trasferta al Fattori contro l'Aquila) e l'allora comunale era quasi inespugnabile e a fine campionato perdemmo solo di misura per 0-1 contro L'Aquila e Cassino e per 0-2 nell'ultima partita di campionato per 0-2 contro il Sulmona a retrocessione già avvenuta. Nel 2000-2001 avvenne la seconda retrocessione ma nonostante tutto il nostro terreno di gioco fu violato solo da Jesina 1-2, Monterotondo per 1-2, Tivoli 0-1  e per 0-3 nell'ultima giornata dalla Monturanese quando giocarono quasi solo i ragazzi della juniores. Ci furono anche delle buone partite come lo 0-0 imposto alla corazzata Sambenedettese che poteva essere anche una clamorosa vittoria se non fosse stato annullato un goal regolarissimo a Carlucci, la vittoria contro la forte Civitanovese per 4-1. Nell'attuale campionato c'è stata la sagra della sconfitta interna sono già ben 5 (e spero non  ne arrivino altre in futuro). Ci si è nascosti dietro il bel gioco praticato peccato che nel calcio contano i punti. Il modulo proposto dal mister è un disastro: le ali non rientrano a sufficienza a centrocampo che sconta tra l'altro la carenza di interditori (solo Forlano possiede queste caratteristiche ma è stato inspiegabilmente, sistematicamente e inopportunamente sempre sostituito) e in certi momenti di gioco si apre una voragine nella zona nevralgica del campo in cui si infilano a meraviglia con e senza palla i centrocampisti avversari che comodamente riforniscono di assist al bacio i propri attaccanti che vanno in goal con disarmante facilità. Il calcio quello vero è tutta un altra cosa. Si può anche retrocedere con dignità ma scadere nel ridicolo no! I numeri parlano chiaro 17 punti in 20 partite garantiscono una delle medie punti (0,85) più basse di sempre tra gli allenatori transitati dal 1969/70 fino ad oggi sulla panchina della nostra amata squadra. Se si vuole essere pignoli, Masoni, Vassallo, Cipriani, hanno fatto anche peggio ma la loro permanenza sulla nostra panchina è stata di gran lunga inferiore, Montani è durato anche troppo per i gusti del pubblico angolano che per tradizione ormai quarantennale è sempre stato competente e corretto come pochi. Tornando ai numeri che impietosamente condannano al precoce oblio l'operato di mister Montani, deludente sia dal punto di vista del gioco proposto che da quello più importante dei risultati: 4 vittorie, 5 pareggi e ben 11 sconfitte, media punti di 0,85, sono il deludentissimo score ma il risultato peggiore sono le cinque sconfitte consecutive che non si erano mai verificate nella storia dell'Angolana: la testardaggine di mister Montani di non rinnegare il proprio "credo" calcistico e quella di parte della società sono state premiate con questo record negativo.
Miani Luciano
I suoi risultati sono una salvezza ai play-out, una retrocessione ai play-out ed in questo campionato dieci deludenti partite senza una vittoria. Nella storia dell'Angolana in serie D nessun allenatore ha collezionato una striscia di ben 17 partite ufficiali, Coppa Italia compresa, senza ottenere almeno una vittoria. Il gioco proposto dal trainer è stato solo di rado soddisfacente e ha perso sovente con 3 o più goals di scarto. La nostra squadra ha sempre stentato specialmente in casa, non riuscendo mai a vincere gli scontri diretti in chiave salvezza. In tutto tre campionati ha diretto i nerazzurri per 61 partite con 16 vittorie, 20 pareggi e 25 sconfitte per una media punti di 1,11.